ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Kluivert: "Roma, divento sempre più forte"

Kluivert: Roma, divento sempre più forte

«Voglio di più». Lo ripete con forza Justin Kluivert, lo ribadisce ad ogni intervista e lo vuole far arrivare nelle orecchie di Di Francesco che un mese fa lo spedì in tribuna al Bernabeu e del ct Koeman che ha deciso di lasciarlo per qualche giorno all’under 21 dove ieri ha segnato il primo gol nel 3-0 contro l’Ucraina, diventando il capocannoniere delle qualificazioni con 4 reti. Bocciature? No, piuttosto stimoli di crescita per un giocatore che deve ancora migliorare la fase tattica.
Il talento è indubbio e Kluivert lo ha mostrato già nella 1ª giornata col Torino quando il suo ingresso favorì il gol di Dzeko e i primi tre punti di una Roma ancora sperimentale. Poi tanta panca, fino all’esordio in Champions con gol al Plzen. Mai un giocatore così giovane (19 anni e 150 giorni) aveva segnato con la maglia giallorossa nella massima competizione europea. In tutto 223’ tra campionato e coppe, poco ma nemmeno troppo considerata l’età. Ieri Kluivert ha giocato con l’Olanda under 21. Quella maggiore ha battuto 3-0 la Germania. «Come vedete gli Orange stanno tornando, è bello da vedere – ha detto al De Telegraaf - Poter farne parte è un grande obiettivo. Stavolta non sono con loro, ma penso di essere uno dei ragazzi che dovrà formare il futuro». Chiaro che le sue convocazioni con la squadra di Koeman passeranno dai progressi con la Roma: «I momenti in cui ho giocato ho fatto solo il mio. In allenamento sto migliorando: sto diventando più forte e ne sono sempre più consapevole. Capisco cosa i compagni vogliano da me e cosa vorrei io da loro. Dobbiamo lavorare e costruire il futuro su questo, ed è così che spero di giocare più minuti».
E le partite (sei in 26 giorni fino alla prossima sosta) non mancheranno per mostrare i suoi poteri. D’altronde faccia e fisico da supereroe della Dc Comics (quelli di Batman e Superman) Justin ce l’ha, e al suo fianco presto potrebbero esserci i suoi tre fratelli. Tutti calciatori, tutti figli di Patrick. L’ex bomber di Ajax e Barcellona, uno che ha fallito solo in Italia al Milan. Un destino che Justin non vuole proprio ripetere. Al momento, dei 4 fratelli, è quello che sta avendo la carriera migliore, anche se tra gli addetti ai lavori in molti segnalano il più piccolo - Shane di soli dodici anni che gioca al Barcellona - come il più forte dei quattro. Gli altri si chiamano Ruben (17 anni, difensore dell’Utrecht) e Quincy che cerca di emergere nella Primavera del Vitesse. Una piccola cantera quella di papà Patrick che ha indirizzato Justin a Roma perché «non è ancora pronto per un club come il Barça».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Bike trial, Vittorio Brumotti e il viaggio
Video

Bike trial, Vittorio Brumotti e il viaggio

  • Bimbo iraniano imita Dybala e lo juventino fa un appello: «Aiutatemi a trovarlo»

    Bimbo iraniano imita Dybala e lo juventino...

  • Christian Daghio in un match sul ring in Thailandia

    Christian Daghio in un match sul ring in...

  • Leicester, il nuovo video dello schianto: l'elicottero si avvita su se stesso e precipita

    Leicester, il nuovo video dello schianto:...

  • Sette anni senza Marco Simoncelli

    Sette anni senza Marco Simoncelli

  • Alex Zanardi oggi compie 52 anni

    Alex Zanardi oggi compie 52 anni

  • Pelè, il re del calcio, oggi compie 78 anni

    Pelè, il re del calcio, oggi compie...

  • Buffon e Pirlo, l'abbraccio tra campioni del mondo al Quirinale

    Buffon e Pirlo, l'abbraccio tra campioni...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET