ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

De Rossi solo nei big-match

De Rossi solo nei big-match

ROMA - Ancora terapie e un obiettivo da non mancare. Ovvero scendere in campo da titolare contro quel Real Madrid che in carriera ha affrontato 5 volte con alterne fortune: 2 vittorie (quelle storiche negli ottavi del 2008) e 3 sconfitte. Daniele De Rossi è pronto a stringere i denti per tornare a disposizione in Champions, nel giorno in cui il suo amico Totti entrerà ufficialmente nella Hall of Fame. Un ingresso che l’attuale capitano vuole posticipare il più tardi possibile. Le condizioni del menisco del ginocchio destro, però, sono tutt’altro che rassicuranti.

Nell’ultimo consulto a Villa Stuart il professor Mariani era stato chiaro: «Daniele, l’infiammazione è troppo forte. Ora ti devi fermare». De Rossi, mal volentieri, ha obbedito ed è rimasto in tribuna nelle ultime tre partite. Lo dovrebbe fare anche sabato ad Udine quando a sostituirlo ci sarà ancora Cristante al fianco di Nzonzi. Di intervento chirurgico d’altronde il numero 16 non ne vuole sapere. Comprensibile visto che un’operazione al ginocchio (vedi Bonaventura) lo costringerebbe a restare ai box per 2-3 mesi. Troppi per un quasi 36enne che è in scadenza di contratto ed è pronto a rinnovare per il probabile ultimo anno di carriera. A Trigoria è già tutto pronto: cifre quasi dimezzate (da 3 a 1,8 milioni circa) e un possibile futuro da allenatore delle giovanili proprio come papà Alberto. Le terapie svolte nelle ultime settimane poi hanno migliorato le condizioni della cisti che provoca la fastidiosa infiammazione. Un problema che tornerà. Per questo, oltre al rinnovo, Monchi è alla caccia di un regista. «Daniele è l’unico che ho», ha detto pochi giorni fa Di Francesco. Un invito nemmeno tanto velato.

Il ds spagnolo sembra aver abbandonato la pista Herrera e non considera prioritario Rafinha che gioca in posizione più avanzata («Ma a noi piacerebbe tornare in Italia», ha confidato ieri il suo agente italiano). Piace, e non poco, Van de Beek dell’Ajax che però non dovrebbe muoversi fino a giugno al contrario di Samassekou del Salisburgo che non costa una fortuna (15 milioni circa) e non pretenderebbe il posto da titolare. Alternative sono Chakvetadze del Gent (pure lui però troppo offensivo) e Bruno Guimaraes dell’Atletico Parenense.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Benetton Rugby, Hame Faiva si taglia i capelli per il compagno di squadra Nasi Manu Video
Video

Benetton Rugby, Hame Faiva si taglia i capelli per il compagno di squadra Nasi Manu Video

  • Schumacher, l'intervista pubblicata dalla famiglia per i 50 anni

    Schumacher, l'intervista pubblicata...

  • Michael Schumacher, l'intervista mai pubblicata pochi giorni prima dell'incidente

    Michael Schumacher, l'intervista mai...

  • MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

    MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

  • Bike trial, Vittorio Brumotti e il viaggio

    Bike trial, Vittorio Brumotti e il viaggio

  • Bimbo iraniano imita Dybala e lo juventino fa un appello: «Aiutatemi a trovarlo»

    Bimbo iraniano imita Dybala e lo juventino...

  • Christian Daghio in un match sul ring in Thailandia

    Christian Daghio in un match sul ring in...

  • Leicester, il nuovo video dello schianto: l'elicottero si avvita su se stesso e precipita

    Leicester, il nuovo video dello schianto:...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
destroyer76
2018-11-21 09:46:20
Forza Daniele, in tanti ti hanno criticato ma quanto ci sei te in campo la squadra è più solida. Pero alla roma serve un vero regista, uno alla Pirlo o come una volta Pizarro.
Romolo
2018-11-20 13:51:07
Da 3 milioni a 1.8?? Ma perché se tiene tanto alla maglia non prende il minimo sindacale come fece Damiano Tommasi dopo essersi rotto il ginocchio?? e di certo non guadagnava come DDR. ! Sopratutto perche' visto l'età e purtroppo gli acciacchi rischia di giocare 1/3 delle partite.

CALCIO

FORMULA1

BASKET