ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Cska Mosca-Roma 1-2: emozioni e torture da Champions

Emozioni e torture da Champions

- Cari amici e colleghi oggi prima del match dibattevano circa la capacità di questa Roma di trasmettere emozioni. Beh, se è vero che "ogni stagione ha il suo melone" (cit.) è vero che ogni Roma dà emozioni diverse. Possono essere entusiasmanti come in un film d'azione o struggenti come in un bel drammone o anche insopportabili come in un horror. A mio avviso, però, mai e poi mai può trasmettere indifferenza.
- Così è arrivata questa partita a Mosca, giocata ancora con quella secondo me orrenda maglia grigia, a confortare il mio punto di vista. Perché questa Roma sa dare grandi brividi di piacere, ma anche di paura. Altalena; montagne russe; doccia scozzese: chiamatela come vi pare ma la Roma, giovane e ricostruita un po' a casaccio, per ora è così.
- Manca un punto per centrare il primo obiettivo stagionale: il ritorno negli ottavi di Champions League, con la speranziella di vincere il girone. Il che significa battere il Real, questo Real, all'Olimpico. Non un'impresa impossibile.
- E a proposito di imprese, Manolas con la sua capocciata ci ha ricordato ancora una volta come questa manifestazione stia dando alla Roma un conforto insperato (ogni riferimento a quel Roma-Barcellona è puramente voluto). Abbiamo assistito a un'ottima prestazione di Kluivert, di Lorenzo Pellegrini e anche di Nzonzi. Abbiamo dedicato qualche tiepido applauso a Cristante. Ma poi...
- Poi c'è stata la solita paura, contro una squadra in 10 che ormai non ci credeva nemmeno più la Roma si è abbassata fino a pestare coi talloni le punte dei piedi di Olsen. Atteggiamento totalmente sbagliato, pigro, saccente. La personalità, anche troppa, nel finale è arrivata da Nicolò Zaniolo di anni 19.
- Terza vittoria consecutiva in Champions: una rarità da queste parti. Quindi bravo Di Francesco. Ma perché torturare così Dzeko? Edin ha le pile scariche, andava fatto riposare a risultato acquisito magari dando una chance da centravanti a Schick. Torturato anche lui con altri 90' in panchina. DiFra: la tortura è un crimine! E che diamine!
- Quindi, caro Eusebio, dovresti smetterla di torturare anche i tifosi: domenica con la Sampdoria andrebbero evitate le discese ardite, per poi sperare nelle risalite. Fermiamo sta giostra, il campionato è da aggiustare. Parecchio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Supercoppa italiana, invasione di campo e selfie con Ronaldo: tutto in diretta Instagram
Video

Supercoppa italiana, invasione di campo e selfie con Ronaldo: tutto in diretta Instagram

  • Le maglie di Pelè, Maradona e Falcao: a Ostia la mostra sulla storia del calcio

    Le maglie di Pelè, Maradona e Falcao:...

  • Festa Lazio diventa guerriglia, gli scontri con la polizia

    Festa Lazio diventa guerriglia, gli scontri...

  • Lo spot del nuovo album di calciatori Panini 2018-2019

    Lo spot del nuovo album di calciatori Panini...

  • Calciatore a terra dopo uno scontro di gioco, il mezzo di soccorso gli travolge un piede

    Calciatore a terra dopo uno scontro di...

  • Benetton Rugby, Hame Faiva si taglia i capelli per il compagno di squadra Nasi Manu Video

    Benetton Rugby, Hame Faiva si taglia i...

  • Schumacher, l'intervista pubblicata dalla famiglia per i 50 anni

    Schumacher, l'intervista pubblicata...

  • Michael Schumacher, l'intervista mai pubblicata pochi giorni prima dell'incidente

    Michael Schumacher, l'intervista mai...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET