ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Gli Usa negano visto, niente mondiali per il campione iraniano. "Non voglio la green card, ho 2 milioni di dollari a casa"

Gli Usa negano visto, niente mondiali per il campione iraniano. Non voglio la green card, ho 2 milioni di dollari a casa

Kianoush Rostami, campione olimpico a Rio e primatista mondiale di sollevamento pesi categoria 85 kg, si è visto negare dagli Usa il visto d'ingresso per partecipare ai Mondiali di Anaheim (28 novembre-5 dicembre), in California. Lo ha rivelato lui stesso, precisando di aver presentato una seconda richiesta d'ingresso alle autorità statunitensi. Per presentarla è dovuto andare a Dubai, presso il locale consolato Usa. «Io proprio non capisco - ha detto Rostami, che in patria è un autentico idolo la cui popolarità supera anche quella dei calciatori -. Mi hanno detto che devo aspettare ma non mi forniscono spiegazioni».



L'Iran fa parte della 'black list' voluta dal Presidente Trump, e a proposito dei Mondiali di sollevamento pesi si è saputo che il visto d'entrata è stato negato anche ad atleti di Iraq ed Albania, mentre nulla ancora si sa sulla partecipazione o meno della nazionale della Corea del Nord, potenza mondiale di questo sport. Il visto a Rostami sarebbe stato negato perché le autorità Usa ritengono che possa fermarsi negli States e chiedere asilo politico. Eppure il campione olimpico ha fatto presente di avere un cospicuo conto in banca in patria. «Ci tengo due milioni di dollari - ha ammesso Rostami - e ho detto agli americani che nel mio paese ho questi soldi. Poi ho aggiunto che sono il migliore e il più famoso sollevatore di pesi del mondo, e il primatista assoluto. Non voglio una 'green card', non m'interessa, sono orgoglioso di essere iraniano e voglio tornare nel mio paese. Io amo l'Iran, i nostri martiri e gli eroi di guerra».

Forse quest'ultimo concetto può non essere piaciuto alle autorità statunitensi, di sicuro «mi hanno ripetuto che devo aspettare, ma io ho fatto presente che ho un Mondiale da disputare tra poco. Io non penso alla politica, ma a vincere un'altra medaglia d'oro». A tutto ciò il presidente della federazione Usa di sollevamento pesi ha replicato dicendo che «siamo in continuo contatto con il Dipartimento di Stato attraverso il nostro comitato olimpico e spero che tutti gli atleti che hanno chiesto il visto d'entrata lo ottengano. E posso anche aggiungere che l'Iran sarà benvenuto, visto che nel nostro sport è uno dei miglior team del mondo». 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Antonio Conte e la telefonata della moglie in conferenza stampa
Video

Antonio Conte e la telefonata della moglie in conferenza stampa

  • Portiere del Monfalcone espulso imita Buffon: «L'arbitro ha una cassa di birra al posto del cuore»

    Portiere del Monfalcone espulso imita...

  • Champions, tifosi in fila 24 ore prima per biglietti Roma- Liverpool: «Ci siamo autorganizzati»

    Champions, tifosi in fila 24 ore prima per...

  • F1: Ricciardo vince in Cina, terzo Raikkonen

    F1: Ricciardo vince in Cina, terzo Raikkonen

  • Formula E nelle strade dell'Eur. Raggi nei box e in pista

    Formula E nelle strade dell'Eur. Raggi...

  • Real Madrid-Juve, Gigi Buffon: «Spazzatura al posto del cuore». La risposta di Del Piero scatena i tifosi

    Real Madrid-Juve, Gigi Buffon:...

  • Il presidente della Roma Pallotta incontra la Raggi dopo il tuffo nella fontana di piazza del Popolo

    Il presidente della Roma Pallotta incontra...

  • Poliziotta sviene a Festa della Polizia, il presidente Fico le corre incontro e Minniti ferma il discorso

    Poliziotta sviene a Festa della Polizia, il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET