ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Hayden ancora in rianimazione. "Troppo debole per essere operato"

Nicky Hayden investito in bici da un'auto a Rimini, è grave -FOTO

Non sono passati nemmeno trenta giorni da quel 22 aprile in cui il ciclista della Astana, Michele Scarponi perdeva la vita sulle strade della sua Filottrano - travolto da un furgone mentre si allenava in vista del Giro d'Italia - che il mondo dello sport viene colpito da un altro incidente stradale, che vede coinvolta una bicicletta e un campione: Nicky Hayden pilota di Superbike, è stato investito da un'auto e si trova in gravi condizioni, ricoverato in prognosi riservata, all'Ospedale 'Bufalinì di Cesena. 



In serata l'ospedale ha emesso un bollettino medico: le condizioni restano critiche. Il pilota è troppo debole per essere sottoposto a intervento chirurgico. Il problema maggiore è rappresentato da un ematoma cranico. Dal reparto di terapia intensiva è stato portato in rianimazione. Un altro bollettino è atteso per domani mattina alle 8. 
 

 
 
Hayden intorno alle 14 è stato investito da una Peugeot - condotta da un 30enne residente a Morciano di Romagna, rimasto illeso - mentre stava pedalando sulla sua bici da corsa a Misano Adriatico, nel Riminese, ad un incrocio con via Cà Raffaelli con via Tavoleto, la strada che collega Riccione e, appunto, Tavoleto, cittadina sulle colline pesaresi. Nello scontro frontale con la vettura il pilota 36enne del Team Honda World Superbike, è stato scaraventato sul cofano dell'auto, e ha sfondato il parabrezza per poi rovinare a terra sull'asfalto mentre la bicicletta è volata nel fosso che costeggia la carreggiata. 
Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, con una ambulanza e un'auto medicalizzata, per prestare le prime cure al campione americano trasferito con il codice di massima gravità all'ospedale 'Infermì di Rimini dove è stato ricoverato in prognosi riservata a causa di un forte trauma addominale e deltrauma cranico. Nel nosocomio riminese, Hayden è stato stabilizzato per poi essere trasportato con l'elisoccorso al 'Bufalini di Cesenà, trauma center di riferimento dell'area vasta dell'Ausl Romagna. 



Hayden - inserito nel novembre del 2015 nella Hall of Fame tra le leggende della Motogp - ha corso domenica nella vicina Imola nel Mondiale Superbike, chiudendo Gara Uno con un ritiro e Gara Due al dodicesimo posto. Lo scorso anno ha terminato la stagione al quinto posto in classifica generale. Ora in forza in forza al Team Honda World Superbike, il 36enne del Kentucky ha corso per anni in MotoGp, vincendo il titolo iridato nel 2006 in sella a una Honda, beffando Valentino Rossi. 



Nella classe regina delle moto - in cui ha disputato 218 Gp - ha primeggiato in 3 gare salendo 28 volte sul podio e strappando 5 pole. L'esordio nel 2003 con il team Repsol Honda, stagione in cui ha ottenuto due terzi posti terminando al quinto posto generale con 130 punti. Nel 2004, si è invece classificato all'ottavo posto finale con 117 punti e nel 2005, terzo con 206 punti, prima di diventare iridato, l'anno successivo. Dopo 13 anni nella Motogp, nel 2016 Hayden è passato alla Superbike con il concludendo con il quinto posto in classifica generale. Hayden gareggia con il numero 69, lo stesso usato dal padre quando correva, 'traditò per l'1, da iridato, nella stagione 2007.​​​​​

"SERVE DECRETO SALVACICLISTI" «Altra tragedia, altro impatto tra auto e bici, la strage continua. In queste ore, il campione di motociclismo Nicky Hayden, combatte per sopravvivere. Confidando nella sua completa guarigione, ed a meno di un mese dall'uccisione del ciclista professionista Michele Scarponi, mentre ogni giorno registriamo almeno una vittima non celebre, chiediamo che il Governo dia seguito alla promessa di varare un decreto che modifichi il codice della strada per introdurre la distanza minima obbligatoria, in sorpasso, di un metro e mezzo». Così il senatore del gruppo Gal Michelino Davico, commenta l'incidente stradale nel quale è rimasto gravemente ferito il campione di motociclismo Nicky Hayden mentre era in bicicletta.



«Un mese dopo la nostra proposta di legge, che mirava proprio ad introdurre la cosiddetta 'salvaciclistì, già vigente in Europa, - spiega Davico - il ministro dello Sport Luca Lotti ed il responsabile del ministero dei Trasporti avevano rilevato l'urgenza della misura e indicato in un decreto governativo la soluzione più rapida per l'introduzione della norma. Ad oggi non se ne ha notizia e nel frattempo molte altre tragedie sono occorse ai ciclisti italiani. Ogni anno - conclude - infatti sono 250 i ciclisti vittime della strada e ad altre 16mila persone restano ferite. L'incidente di oggi al campione di superbike Hayden non fa altro che riaccendere i riflettori su strage che va fermata. Subito il decreto oppure chiederemo la immediata calendarizzazione del disegno in commissione trasporti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Ventura esonerato, Tavecchio resta in sella: le reazioni al termine della riunione in Federcalcio
Video

Ventura esonerato, Tavecchio resta in sella: le reazioni al termine della riunione in Federcalcio

  • Disastro Italia, Lotti: "Il calcio va rifondato e accettiamo suggerimenti"

    Disastro Italia, Lotti: "Il calcio va...

  • Italia fuori dal Mondiale, Ventura: "Chiedo scusa agli italiani"

    Italia fuori dal Mondiale, Ventura:...

  • Svezia-Italia 1-0, il videocommento di Ugo Trani

    Svezia-Italia 1-0, il videocommento di Ugo...

  • Pauroso incidente sul surf: schiena rotta per Andrew Cotton

    Pauroso incidente sul surf: schiena rotta...

  • Ghoulam a testa bassa dopo gli esami a Villa Stuart

    Ghoulam a testa bassa dopo gli esami a Villa...

  • Di Francesco: "Voglio la Roma di Londra. Schick ha problemi a calciare"

    Di Francesco: "Voglio la Roma di...

  • Pelè, il re del calcio, compie 77 anni

    Pelè, il re del calcio, compie 77 anni

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
finmecc77
2017-05-18 08:09:58
Invito il Sig. ministro Luca Lotti a circolare per le strade cittadine (dove non sono presenti piste ciclabili) e vedere i comportamenti di chi usa le bici (non tutti ma molti). Il piu' debole va tutelato ma restando nelle normative e non sanzionando o limitando le regole e le liberta' di chi le ha gia' acquisite.
XRIZX
2017-05-18 09:36:43
Guarda, condivido. Capisci però che mettere obblighi assurdi come la proposta di lotti del sorpasso a 1,5 m (pericoloso ed insulso) non serve a tutelare i ciclisti, di cui a Lotti non frega proprio nulla....ma sai quante belle multe? lavoro per avvocati? Assicurazioni e recuperi punti? BUSINESS!!! sempre per loro, e spese per noi!. Se io automobilista ho obblighi verso i ciclisti,e benintesto questo ci può stare (basta non farli partorire ad esseri insulsi come lotti) gli stessi devono essere assicurati, pagare il bollo, avere il casco, e rispettare le regole!
finmecc77
2017-05-18 08:07:37
vogliamo fare qualche cosa di concreto? introduciamo l'obbligo nel codice della strada di Assicurazioni, caschi , e attestato partecipazione a corsi formativi sul codice srtradale per tutte le bici che vogliono transitare sulle strade. Il codice gia' prevede che i mezzi lenti DEBBANO dare strada a chi sopraggiunge (non andare in coppia ad esempio e non spostarsi), Chi ha la patente non deve fare corsi ma vige la sanzione di punti su di essa come per automobilisti e motociclisti.
finmecc77
2017-05-18 08:04:49
il sistema e' non si puo' far transitare bici insieme a veicoli a motore! ci sasranno sempre rischi perche' le une vanno troppo lente in confronto agli altri. Inoltre non e' corretto che per le bici non valgano gli stessi obblighi di chi esempio va in morto: casco obbligtatorio e omologato in primis!!! Ci sono strade (vedi Genova) dove e' impossibile dare in fase di sorpasso di ciclista 1 metro e mezzo come richesto, si finirebbe contromano!!! ed e' impossibile pensare che in una citta' dove i mezzi vengono usati per spostamento al lavoro, scuola, ecc si debba stare accodati dietro un mezzo che va a 20 km orari (magari solo per divertimentoe non necessita'). Vogliamo fare q
alcolizzato
2017-05-18 07:31:36
Però, nell'articolo, non si parla di chi sia la responsabilità... Pochi giorni fa, un ciclista , mi ha tagliato la strada, come un missile, sfiorandomi il paraurti e insultandomi pure!

CALCIO

FORMULA1

BASKET