ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Milan, La Stampa: «Inchiesta su vendita e riciclaggio, cessione a prezzo gonfiato». Il procuratore Greco: nessun procedimento penale

Milan, La Stampa: «Inchiesta su vendita e riciclaggio, cessione a prezzo gonfiato». Il procuratore Greco: nessun procedimento penale

«Bufera Milan, inchiesta sulla vendita» titola questa mattina la Stampa di Torino, dando notizia di un'inchiesta che ipotizza una cessione della società a prezzo gonfiato e il successivo rientro di una «cifra sostanziosa». Ipotizzato il reato di riciclaggio. «Nuova tegola giudiziaria sulla campagna di Berlusconi», aggiunge il quotidiano. La stessa notizia compare sul Secolo XIX. La società rossonera è passata ad aprile 2017 dalle mani del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi all'imprenditore cinese Yonghong Li.





Secondo i quotidiani, la Procura di Milano avrebbe avviato l'indagine dopo aver constatato che la vendita del Milan era avvenuta ad un prezzo di almeno 300 milioni di euro (su 720) superiore al reale valore della società. Da lì erano partite una serie di verifiche per accertare il percorso dei flussi finanziari. Infine, «in gran segreto, nei giorni scorsi, i pm - scrive La Stampa - hanno avviato un'inchiesta che tra le varie ipotesi comporta anche verifiche sul reato di riciclaggio».

A coordinare l'inchiesta, il pm Fabio De Pasquale, lo stesso che in passato aveva indagato Berlusconi per la frode fiscale sui diritti tv ma che lo aveva anche difeso nella vicenda della scalata ostile di Vivendi a Mediaset. Voci sulla compravendita ne giravano da tempo - ricorda il quotidiano - tanto che l'estate scorsa l'avvocato Niccolò Ghedini aveva consegnato in procura «i documenti per attestare la regolare provenienza del denaro cinese». «Alla base dell'apertura dell'inchiesta avvenuta poche settimane fa - aggiunge - ci sarebbero nuovi documenti che dimostrerebbero esattamente il contrario». «Da dove sia partita la svolta, al momento non è ancora chiaro - si precisa - . Una traccia, si deduce, che risalirebbe ai reali flussi di denaro partiti da Hong Kong».

IL PROCURATORE GRECO: "NESSUN PROCEDIMENTO PENALE" «Allo stato non esistono procedimenti penali sulla compravendita dell' A.C. Milan»: lo ha dichiarato il procuratore capo della Repubblica di Milano, Francesco Greco.

Francesco Greco ha spiegato che sulla vendita del Milan, passato nell'aprile 2017 da Silvio Berlusconi all'imprenditore cinese Yonghong Li, «al momento non esiste alcun fascicolo». Nessun fascicolo esplorativo (a modello 45, senza titolo di reato e a carico di ignoti), nè a modello 44 e quindi sempre a carico di ignoti ma con un titolo di reato. Il procuratore capo di Milano ha affermato che l'avvocato Niccolò Ghedini, legale del Cavaliere, non ha depositato in Procura «per conto di Fininvest» alcuna carta riguardo alla operazione e ha ripetuto di non aver ricevuto alcun dossier da parte dell'Unità Informazione Finanziaria di Banca d'Italia che ha la responsabilità dei controlli. L'Uif, ha riferito Greco, avrebbe anzi dato il via libera all'operazione non riscontrando, così come gli intermediari finanziari, alcuna irregolarità e non ha chiesto alcun intervento della magistratura milanese di procedere con il «freezing, cioè il blocco dei soldi».

IL PM: "GHEDINI MI INFORMÒ SU TAPPE OPERAZIONE" Francesco Greco, procuratore della Repubblica di Milano, in relazione all'operazione sulla compravendita del Milan, oltre a ribadire che allo stato il procuratore aggiunto Fabio De Pasquale, responsabile del pool reati economico finanziari, non ha aperto «alcuna indagine», ha precisato che Niccolò Ghedini, legale di Silvio Berlusconi, nei mesi scorsi «è venuto nel mio ufficio sia per parlare della vicenda Vivendi, sia per informarmi step by step su come procedeva l'operazione Milan, e per dirmi che stavano analizzando questa operazione». Greco ha aggiunto, riferendosi agli incontri con Ghedini, che ad un certo punto «c'era un problema di identificazione di chi stava mandando i soldi» e che anche «loro volevano fare una segnalazione».


GHEDINI: "NON GIORNALISMO, FALSE NOTIZIE" «Il giornalismo d'inchiesta è uno straordinario valore che va tutelato e incentivato perché è uno dei cardini, oltre che salvaguardia, di un sistema democratico. Quando però si utilizzano false notizie non già per informare ma per aggredire e danneggiare una parte politica durante una delicata campagna elettorale, non si tratta più di giornalismo ma di fatti penalmente, civilmente e ancor prima deontologicamente rilevanti»: lo dichiara l'avvocato Niccolò Ghedini sul fascicolo riguardante la vendita dell'A.C Milan.

LA STAMPA: "CONFERMIAMO QUANTO SCRITTO" «La Stampa» conferma quanto scritto sulla vendita del Milan. Il quotidiano di Torino ha diffuso al riguardo questa nota della Direzione: «Il quotidiano la Stampa, in merito alla vicenda della vendita del Milan, ribadisce di aver svolto opportuni controlli circa l'esistenza di un'indagine sull'operazione, di cui è venuta a conoscenza da due fonti distinte, e pertanto conferma quanto scritto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



La Lazio festeggia 118 anni di storia, fuochi d'artificio e fumogeni in piazza della Libertà
Video

La Lazio festeggia 118 anni di storia, fuochi d'artificio e fumogeni in piazza della Libertà

  • Venditti sbaglia l'inno alla festa di Natale della Roma, il video di Max Giusti

    Venditti sbaglia l'inno alla festa di...

  • Le acrobazie al Campionato mondiale di Surf 2017

    Le acrobazie al Campionato mondiale di Surf...

  • Buon compleanno Milan

    Buon compleanno Milan

  • Derby di Belgrado, alta tensione tra Partizan e Stella Rossa

    Derby di Belgrado, alta tensione tra...

  • Tifo da matti, invasione di campo con l'auto

    Tifo da matti, invasione di campo con...

  • Mertens napoletanissimo, canta il brano di un neomelodico: "Abbracciame cchiù forte"

    Mertens napoletanissimo, canta il brano di...

  • Lorenzo Insigne, il suo goal umilia l'ex allenatore dell'Italia Ventura: ecco cosa è successo

    Lorenzo Insigne, il suo goal umilia l'ex...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET