ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Milan, che fine ha fatto Locatelli? Un anno fa il debutto, ora solo la panchina

Manuel Locatelli

Un anno di Manuel Locatelli. Domani scoccano i 365 giorni dal suo esordio in serie A: era il 21 aprile 2016, tre minuti con il Carpi (21 aprile 2016), a San Siro per il 18enne allora di belle speranze, cresciuto per sette lunghi anni nel settore giovanile rossonero, che prima di chiudere la stagione targata Christian Brocchi, riesce a fare altri novanta minuti davanti alla difesa contro la Roma. 

Aggregato per la prima volta ai grandi l'anno prima da Inzaghi, promosso poi ufficialmente a febbraio dopo la cessione di Nocerino, per Mihajlovic era l'alternativa a Riccardo Montolivo, tanto da volerlo lanciare già con la Juventus, a metà secondo tempo: il quarto uomo aveva la lavagna in mano, poi all'ultimo Montolivo ha fermato il cambio, garantendo alla panchina che avrebbe finito regolarmente la gara. Mihajlovic aveva in mente da tempo di farlo esordire ma fu esonerato senza particolari ragioni. E così ci ha pensato il suo ex allenatore della Primavera a realizzare il sogno del ragazzo di Lecco che con Montella trova anche la prima gioia, una rete meravigliosa al Sassuolo a San Siro con un destro potente, preciso, imprendibile per Consigli. Poi il sogno continua: fa gol anche alla Juve. Stessa modalità.

Ancora potenza e precisione e per il Milan sono tre punti fondamentali contro i super Campioni d'Italia. Ma quelle due reti, che a distanza di venti giorni lo hanno consacrato, poi gli anno fatto perdere l'equilibrio e subito dopo il campo. Nemmeno gli infortuni di Montolivo e Bonventura gli permettono di confermarsi in una zona del campo dove piano piano Sosa cresce e Pasalic è diventato decisivo. Ora gioca poco, fa tante panchine ma il Milan continuerà a credere in lui: sarà uno dei giovani da cui ripartire.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 20 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 10:11

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET