ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Mancini: "Suning ha perso tempo, con me si sarebbe lottato per lo scudetto"

Roberto Mancini

«L'Inter? Un anno e mezzo di lavoro buttato. Fossi rimasto, mancava poco per poter duellare con la Juve». In corsa per il titolo o, nella peggiore delle ipotesi, seconda, con ampio margine sulla concorrenza-Champions e quasi in possesso del visto. Secondo Roberto Mancini, sarebbe questo il presente parallelo di Icardi e compagni, se Suning avesse puntato «con più chiarezza e meno caos, perché ce n'era tanto: bisognava rinforzare la squadra e nessuno faceva niente» sulla riconferma dello jesino nell'agosto scorso. 

L'ex tecnico nerazzurro ne ha parlato, infatti, a margine dell'evento Panini Calciatori per l'Unicef, tenutosi ieri a Roma, ribadendo i concetti già espressi un mese fa («Con me avremmo lottato per lo scudetto») ai microfoni di Sky e lo stesso grado di fastidio per come si è consumato il divorzio. «No, non sono pentito, perché c'erano motivazioni più che valide - ha proseguito il Mancio -. Mi è dispiaciuto solo buttare via il lavoro di un anno e mezzo, un lavoro faticosissimo, che aveva dato un certo tipo di mentalità alla squadra e stava portando risultati. Colpa di Thohir? No, quando c'è un cambio di proprietà può capitare. Siamo rimasti lì per settimane e settimane, senza fare niente. E i nuovi proprietari non capivano che nel calcio le cose vanno invece fatte velocemente». 

Insomma, divergenze di vedute, che hanno portato all'addio di comune accordo. E con «un contratto di tre anni già pronto da parte di Suning. Sì, c'era la loro proposta - ha confermato il tecnico di Jesi -, anche se non ci siamo conosciuti bene e non abbiamo mai condiviso quello che poteva essere il futuro». Poi, dalle sliding doors nerazzurre, sono usciti Franck De Boer e Stefano Pioli, «davvero molto bravo» e promosso dal Mancio. «Se fosse arrivato dall'inizio, l'Inter avrebbe sicuramente più punti». A chiudere, inevitabile qualche battuta sul futuro: «Io alla Roma? Abito qui ma al momento non c'è nulla di concreto. Stiamo parlando di niente - ha concluso Mancini -. Mi piacerebbe allenare all'estero e fare esperienza in un altro Paese. La Cina? Non si sa mai nella vita. La Nazionale? Un motivo d'orgoglio per chiunque, potrebbe esserci nel mio futur».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 21 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 08:41

Roma, abbraccio Pallotta-Spalletti a cena: "E' tutto ok"
Video

Roma, abbraccio Pallotta-Spalletti a cena: "E' tutto ok"

  • Francesco Totti da Costanzo: Ilary Blasi, il futuro della Roma e un altro figlio

    Francesco Totti da Costanzo: Ilary Blasi, il...

  • Mancini da Fiorello: ecco la sua Nazionale

    Mancini da Fiorello: ecco la sua Nazionale

  • Mancini: «Io alla Roma? Nulla di concreto»

    Mancini: «Io alla Roma? Nulla di...

  • Napoli, Insigne e il rinnovo: i tifosi: "Vogliamo che Lorenzo resti con noi"

    Napoli, Insigne e il rinnovo: i tifosi:...

  • Allegri: “Dybala sta bene, Pjaca deve crescere”

    Allegri: “Dybala sta bene, Pjaca deve...

  • Gabbiadini si infortuna in Premier League, niente nazionale

    Gabbiadini si infortuna in Premier League,...

  • Roma, Pallotta arriva in hotel nella Capitale

    Roma, Pallotta arriva in hotel nella Capitale

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET