ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Juve, il triplete è possibile: "Ci crediamo, siamo più forti e consapevoli di due anni fa"

Juve, il triplete è possibile: Ci crediamo, siamo più forti e consapevoli di due anni fa

E' una Juve da triplete. L'accesso alle semifinali di Champions ha definitivamente sdoganato il trisillabo nel vocabolario bianconero. Se ne sono accorti anche i bookmakers, se è vero che la quota per l'en plein juventino è crollata: a inizio stagione era 35, alla vigilia dei quarti 13, ora paga appena 4 volte la posta. «Tutti e tre gli obiettivi sono raggiungibili carica Bonucci -, ma come diciamo noi dovremo tenere la testa nel carroarmato».

Se non ora, quando? Buffon nella notte catalana ha definito il triplete «il sogno giusto e legittimo dei nostri tifosi». Insomma, se ne può parlare. Senza scaramanzia o megalomania. La squadra è però invitata anche dal capitano a «tenere i piedi ancorati a terra, perché purtroppo non abbiamo ancora vinto niente». SuperGigi è il ministro della difesa meno battuta d'Europa, con buona pace dei 31,8 anni di media dei cinque titolari al Camp Nou: due gol incassati in 900', quinto clean sheet consecutivo e 531' di imbattibilità, la striscia al momento più lunga in Champions. «Siamo più consapevoli rispetto a Berlino 2015, la crescita è sotto gli occhi di tutti. Noi della difesa al picco della maturità? Vorrebbe dire che abbiamo spostato l'età ideale un po' più avanti».

Anche Allegri chiede via Twitter ai suoi di stare sul pezzo: «Il prossimo mese e mezzo è più importante degli otto precedenti». E intanto promette nuovi brividi bianconeri: «Lavorando come finora vi e ci regaleremo altre emozioni!». L'impresa nell'impresa è quella di aver fatto dimenticare Conte. Ieri il tecnico toscano ha incassato il secondo striscione dei Drughi nel giro di una settimana: «Ieri contenti in Italia, oggi Allegri in Europa. Andiamo a comandare». Dopo aver vendicato (almeno in parte) la finale di Berlino contro il Barça, la Juve domenica è chiamata a restituire al Genoa il brutto ko (3-1) subìto a Marassi a novembre. Allegri non avrà lo squalificato Pjanic, ma a centrocampo ritroverà Marchisio, arruolabile come Cuadrado, rientrato soltanto ieri sera da Barcellona dove si è sottoposto a un trattamento per il mal di schiena.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 21 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 09:08

Max Biaggi, ecco come sta dopo l’incidente. Il retroscena raccontato dal padre
Video

Max Biaggi, ecco come sta dopo l’incidente. Il retroscena raccontato dal padre

  • Milan, Fassone: "Donnarumma ha deciso di non rinnovare"

    Milan, Fassone: "Donnarumma ha deciso...

  • "PRIMA DELL'ULTIMA" - L'ultima notte di Roma...

  • Roma, il nuovo allenatore Eusebio Di Francesco arriva a Trigoria

    Roma, il nuovo allenatore Eusebio Di...

  • Insigne, lo scudetto per la 10 di Maradona

    Insigne, lo scudetto per la 10 di Maradona

  • Colpo alle spalle e manda l'avversario ko: gli spettatori salgono sul ring e si vendicano

    Colpo alle spalle e manda l'avversario...

  • MotoGp: Pedrosa in pole al Montmelò, disastro Rossi

    MotoGp: Pedrosa in pole al Montmelò,...

  • Giallorossi contro, la lite tra Manolas e Dzeko al termine di Grecia-Bosnia

    Giallorossi contro, la lite tra Manolas e...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET