ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Inter, Pioli: "La squadra ora parli coi fatti, dobbiamo andare in Europa League"

Stefano Pioli

«L'Europa League? Deve essere il nostro unico obiettivo da qui alla fine». Dopo un mese horribilis, Stefano Pioli e la sua Inter, domani sera, saranno di scena al Franchi in una sfida ad alto rischio, ma fondamentale per le residue chances d'Europa di Icardi e compagni. E l'imperativo del tecnico emiliano è sempre il solito: fare tabula rasa «degli errori commessi nelle ultime partite, e in particolare nella gestione del pallone e sulle palle inattive e dimostrare che possiamo far bene contro la Fiorentina e in questo finale di stagione - ha proseguito il 51enne di Parma nella conferenza dell'antivigilia -. Noi dobbiamo pensare solo a schierare la formazione migliore in questo momento per tornare alla vittoria e finire il campionato con risultati positivi».

Attualmente, il primo competitor è il Milan, due punti più su e in possesso dell'ultimo visto disponibile per l'Europa League. Ma Pioli mette nel mirino anche Atalanta e Lazio. «Abbiamo 5 punti di svantaggio dai biancocelesti, al 4° posto, con la possibilità di giocare lo scontro diretto - ha sottolineato -. Non sarà facile a Firenze, affronteremo un avversario che gioca ed è allenato molto bene e che ha fermato tutte le grandi in casa. Uscire con i 3 punti dal Franchi sarebbe importante». 

Oltre che una risposta sul campo «al calo psicofisico che c'è stato nelle ultime partite. Al di là dei fattori tattici contro Samp, Crotone e Milan ci è mancata la concentrazione per tutti i 95 minuti - ha ammesso l'emiliano - e sono errori che si pagano. Che spiegazione mi sono dato? Non mi piace pensare troppo avanti o al passato. Abbiamo ancora 6 partite per centrare l'obiettivo. Ora dobbiamo parlare coi fatti». E senza altri black out, anche se «non accetto le accuse di poco impegno. I miei giocatori sono professionisti, consapevoli e attenti a dare sempre il massimo. Abbiamo avuto un calo, questo sì, ma i bilanci si fanno alla fine». 

A chiudere, il discorso-formazione, con la conferma in blocco dell'11 anti-Milan. «Sicuramente non stravolgerò la squadra. Credo che abbiamo raggiunto degli equilibri e che sia giusto continuare così».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 21 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 09:40

Show su Instagram con la chitarra per i calciatori dell'Udinese
Video

Show su Instagram con la chitarra per i calciatori dell'Udinese

  • ALTRO CHE "FOZZA INDA", ECCO IL NEO PROPRIETARIO DEL MILAN DIRE: "FO..."

    ALTRO CHE "FOZZA INDA", ECCO IL...

  • I 31 anni di Berlusconi al Milan

    I 31 anni di Berlusconi al Milan

  • L'infortunio di Giuseppe Rossi

    L'infortunio di Giuseppe Rossi

  • Totti e la "pallonata" a Wallace che riaccende il derby

    Totti e la "pallonata" a Wallace...

  • Dal San Paolo alla stazione centrale: "Un giorno all'improvviso" accompagna i viaggiatori

    Dal San Paolo alla stazione centrale:...

  • NICOLA HIGUAIN E QUEL POST DURANTE LA PARTITA NAPOLI-JUVE: È BUFERA

    NICOLA HIGUAIN E QUEL POST DURANTE LA...

  • Calciatore dà una ginocchiata in faccia all'arbitro, squalifica a vita e arresto

    Calciatore dà una ginocchiata in...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET