ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Un successo la spedizione “Trans Limes” guidata da Daniele Nardi in Karakorum: aperte nuove vie e nominate alcune cime inviolate

Un successo la spedizione “Trans Limes” guidata da Daniele Nardi in Karakorum: aperte nuove vie e nominate alcune cime inviolate

Si è conclusa positivamente “Trans Limes”, la spedizione guidata da Daniele Nardi, che aveva come obiettivo l’esplorazione dell’area del Saltoro Kangri Range, che fanno parte del Karakorum, e dell’area delle valli Kondus-Lachit-Kaberi. L’alpinista di Sezze era accompagnato da una squadra altamente qualificata composta dall’inglese Tom Ballard e sua sorella Kate, dagli italiani Marcello Sanguineti e Gianluca Cavalli Accademici del Club Alpino Italiano e Michele Focchi, dal sudafricano Cuan Coetzee e dal fotoreporter Pierluigi Martini, che ha avuto il compito di documentare la spedizione.

L’esplorazione di Nardi e del suo team, in una zona contesa fra India, Pakistan e Cina e in cui non venivano concessi permessi da 16 anni, è durata circa quarantacinque giorni e ha riservato grandi soddisfazioni: sono state scalate e nominate alcune cime inviolate, in particolare una parete che è stata chiamata “Alison Peak” , in onore di Alison Hargreaves, l’alpinista britannica, madre di Tom e Kate, scomparsa sul K2 nel 1995.

A proposito del successo della spedizione, Nardi lancia un messaggio chiaro, in linea con il suo impegno come ambasciatore per i Diritti Umani nel Mondo, che si traduce in progetti di solidarietà in Nepal e Pakistan e prosegue in Italia con il progetto dell’Alta Bandiera dei Diritti Umani: “Venendo qui volevo lanciare un messaggio a Cina, Pakistan e India perché trovino un accordo per far diventare il Kondus un parco mondiale aperto ad alpinisti ed escursionisti. L’obiettivo è duplice, permettere a queste zone meravigliose di crescere da un punto di vista turistico e garantire maggiore sicurezza a quelli che vengono in questa area. Mi piace l’idea che l’alpinismo abbia anche delle finalità più alte e diventi uno strumento di unione fra i popoli.” Website: www.danielenardi.org



Non è invece andata a buon fine la scalata dell’inviolata parete nord-est del Linksar: Nardi e Ballard sono arrivati fino al Campo 3 posizionato a circa 6000 metri, da cui doveva partire l’assalto finale alla cima. Purtroppo le condizioni meteo si sono improvvisamente complicate e, smentendo quelle che erano le previsioni, una fitta nevicata ha bloccato i due alpinisti per quasi tre giorni. A quel punto, considerando anche che i permessi per stare in zona stavano scadendo (il termine era per il 5 settembre), Daniele e Tom hanno dovuto intraprendere la discesa, anche questa piuttosto complessa per via di una bufera di neve e per le numerose valanghe che hanno reso il rientro molto pericoloso. A tal proposito Daniele Nardi ci tiene a passare un concetto importante legato alla sicurezza: ”Non è stato facile prendere quella decisione, ma le condizioni meteo erano davvero proibitive. Rischio altissimo, la sfida alla montagna resti entro i limiti della sicurezza.

Inoltre, la preparazione è fondamentale quando si affronta la montagna perché, oltre a consentirti di portare a termine una scalata, ti mette anche in condizione di capire quando ci sono dei rischi e quindi di poterli affrontare nel modo più corretto. La cronaca, anche recente, purtroppo ci racconta di vittime della montagna: a volte c’è fatalità, a volte imprudenza, in altri casi manca una preparazione che consenta appunto di valutare e prevenire eventuali rischi”. “Voglio ringraziare – continua Nardi - tutti quelli che hanno reso possibile quest’esplorazione, i miei compagni di squadra in primis con cui ho condiviso dei momenti indimenticabili, i miei affetti, mia moglie e i miei amici. E ancora ringraziamenti particolari per l’organizzazione della spedizione a Maria Elena Martini, Pierluigi Martini e Roberta Fusco, senza i quali questa spedizione non sarebbe stata mai realizzata. Grazie a tutti gli sponsor, all’Agenzia Adventure Guide Pakistan di Ali Saltoro, all’Ambasciata Italiana in Pakistan, all’Ambasciata Pakistana a Roma e alla disponibilità di Fabio Zinanni di Saudi Airlines”. Daniele Nardi rientrerà in Italia mercoledì prossimo, 13 settembre, e inizierà a progettare la sua prossima spedizione, in programma nel 2018.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:50

I tifosi della Lazio accolgono Nani
Video

I tifosi della Lazio accolgono Nani

  • Addio a Guido Rossi, guidò la Federcalcio durante Calciopoli

    Addio a Guido Rossi, guidò la...

  • Bufera su Ilaria D'Amico dopo le critiche in diretta al Milan: ecco cosa è successo

    Bufera su Ilaria D'Amico dopo le...

  • Choc in Germania: segna, festeggia e il ginocchio fa crack

    Choc in Germania: segna, festeggia e il...

  • Maradona show su punizione, la classe non tramonta mai

    Maradona show su punizione, la classe non...

  • Bolt si infortuna nella finale della 4x100

    Bolt si infortuna nella finale della 4x100

  • Balotelli, a 200 km/h sulla Ferrari, multato a Vicenza

    Balotelli, a 200 km/h sulla Ferrari, multato...

  • Balotelli e la multa in Ferrari: «La solita Italia, si sta meglio in Francia»

    Balotelli e la multa in Ferrari: «La...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET