ACCEDI AL Leggo.it


oppure usa i dati del tuo account

Modolo, il ciclista tamponato da un pirata: «Dall'auto è scesa una escort, è fuggita»

Modolo, il ciclista tamponato da un pirata: «Sull'auto c'era una escort che poi è fuggita»

Brutto incidente per Sacha Modolo: il noto velocista azzurro di Vazzola è stato investito ieri da un'auto pirata mentre si stava allenando sulle strade di Asolo. Per fortuna non ha riportato gravi ferite. Anche se deve fare i conti con una bella botta alla schiena. Ma ciò che ha sconcertato il ciclista 30enne, che vanta una carriera di otto anni tra i professionisti e che oggi veste i colori dell'Uae Team Emirates, è stato il comportamento dell'uomo che era alla guida. «Ero fermo a un semaforo lungo la mia carreggiata quando sono stato investito da dietro da un'auto che o non mi ha visto o pensava di passare con il rosso racconta sulla sua pagina Facebook , poi si ferma, abbassa il finestrino, mi guarda, non dice una parola e ride. Scende il passeggero, visibilmente una escort, e con sarcasmo minimizza l'accaduto: Tanto è solo una bici e te non hai niente, cosa vuoi che sia?».


3420172_1612_moddd536.jpg


È stato a quel punto che Modolo ha capito che non sarebbe venuto a capo della situazione. Così ha iniziato a scattare una serie di foto all'auto che l'aveva investito. E ha fatto bene. Perché quando ha detto al conducente che avrebbe chiamato i carabinieri, questo ha accesso il motore ed è scappato, lasciando a piedi la donna che era con lui. «Lei si è incamminata verso una pasticceria racconta incredulo il ciclista dicendo con disinvoltura: Fate quello che volete, tanto io non lo conosco e non so chi sia». Insomma, se n'è lavata le mani. Ma la disavventura di Modolo non è ancora finita. «Allibito, ho chiamato i carabinieri, che mi hanno detto di chiamare il 118, che a sua volta mi dice che non sono grave, che quindi non uscivano e che avrei dovuto chiamare gli stessi carabinieri è il rosario elencato dal ciclista questi ultimi, dopo averli richiamati, mi dicono che escono solamente di pomeriggio. E che quindi devo chiamare il 118. Peggio della canzone "Alla fiera dell'Est" poi chiamo i carabinieri di Conegliano, i quali avvisano a Castelfranco di mandarmi qualcuno continua e chiamo la Polizia Locale di Asolo, che comunque era stata avvisata da Conegliano, ed è stata l'unica a mandarmi una pattuglia, anche se inizialmente erano impegnati».





Alla fine le fotografie che il ciclista aveva scattato alla targa dell'auto si sono rivelate fondamentali: hanno permesso di risalire all'identità di chi era alla guida. «A suo carico verranno sporte le dovute denunce assicura Modolo fortunatamente io me la sono cavata solo con una forte botta alla schiena. Ringrazio la famiglia che si è fermata di sua spontanea volontà per testimoniare l'accaduto. Dispiace dire che siamo sempre in pericolo e costretti a condividere la strada con gente come quest'uomo».
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



La Lazio festeggia 118 anni di storia, fuochi d'artificio e fumogeni in piazza della Libertà
Video

La Lazio festeggia 118 anni di storia, fuochi d'artificio e fumogeni in piazza della Libertà

  • Venditti sbaglia l'inno alla festa di Natale della Roma, il video di Max Giusti

    Venditti sbaglia l'inno alla festa di...

  • Le acrobazie al Campionato mondiale di Surf 2017

    Le acrobazie al Campionato mondiale di Surf...

  • Buon compleanno Milan

    Buon compleanno Milan

  • Derby di Belgrado, alta tensione tra Partizan e Stella Rossa

    Derby di Belgrado, alta tensione tra...

  • Tifo da matti, invasione di campo con l'auto

    Tifo da matti, invasione di campo con...

  • Mertens napoletanissimo, canta il brano di un neomelodico: "Abbracciame cchiù forte"

    Mertens napoletanissimo, canta il brano di...

  • Lorenzo Insigne, il suo goal umilia l'ex allenatore dell'Italia Ventura: ecco cosa è successo

    Lorenzo Insigne, il suo goal umilia l'ex...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

BASKET